Curia Generalizia

La visita del Padre Generale alle comunità del Rwanda

Dopo aver visitato le Comunità del Camerun, il Padre Generale, P. Giorgio Nalin, dal 4 dicembre è passato in Rwanda. A Kigali, accompagnato dal Superiore della Delegazione, P. Eros Borile, ha potuto verificare l’andamento dei lavori della futura sede del noviziato. Poi è stata la volta di Nyanza, dove ha incontrato il Governo della Delegazione dell’Africa al completo. Nello stesso tempo ha potuto verificare il significativo apostolato socio-caritativo che si svolge in quella sede. Si è passati, giorno 7 a Cyangugu. Nella cappellina, in serata, con la comunità dei novizi e dei seminaristi di filosofia, spiritualmente uniti a tutta la famiglia del Rogate, si è celebrata la Veglia dell’Immacolata. La sera del giorno seguente, festa dell’Immacolata, il Padre Generale ha presieduto il rito della ammissione al Probandato dei seguenti cinque giovani aspiranti di filosofia: Martin Nteziryayo, Jules Ciza Mitima, Alexis Ndagijimana, Théogène Twamugira, Jèan de Dieu Harindintwali. Anche questa volta, come già per i giovani probandi di Ngoya, il rito si è svolto nella festa dei canti caratteristici della liturgia africana, manifestazione di fede e di gioia. La giornata si è conclusa con un simpatico trattenimento di scketch e canti. Nella foto i Probandi di Cyangugu

Image

 

Image.

Ammissioni al Probandato a Ngoya

In coincidenza con la visita alla Delegazione dell’Africa, il Padre Generale, P. Giorgio Nalin, nel suo passaggio nella casa di Ngoya, martedì, 1° dicembre 2009, nel tardo pomeriggio, ha presieduto il rito della ammissione al Probandato, di tre giovani aspiranti di filosofia, Bonaventure Mbobba Mbouyo, Bernard Dourwe e Fabrice Mpouma. Il rito, che ha visto la presenza delle due comunità di Edea e di Ngoya, è stato intensamente partecipato, specie dai tre giovani che compivano questo ultimo passo di avvicinamento al noviziato, tappa fondamentale dell’ingresso nella vita consacrata. I bei canti ritmati, tipici della liturgia africana, espressione di fede e di gioia, hanno accompagnato tutta la sacra liturgia. Nella serata è seguito un momento di fraternità, spontaneo ma ben articolato, con una ricchezza di numeri di intrattenimento. 

Messina 30 novembre: ricordato Padre Marrazzo

In occasione del 17° anniversario del dies natalis del servo di Dio Padre Giuseppe Marrazzo, l'Associazione Amici di Padre Marrazzo d'accordo con la vice-postulazione di Messina, ha organizzato una celebrazione eucaristica presieduta dal Postulatore Generale P. Angelo Sardone  e la partecipazione dei confratelli della città. Durante l'omelia il Postulatore ha evidenziato la dimensione sacerdotale del servo di Dio, che si è ispirato per il suo qualificato apostolato della riconciliazione al santo Curato d'Ars e mediante una lettura di alcuni suoi scritti ha sottolineato la sua passione per le anime secondo il carisma evangelico del Rogate. Speriamo di poter realizzare presto una giornata di studio e di presentazione del carisma sacerdotale di Padre Marrazzo a partire dai suoi scritti. 

La visita del Padre Generale in Africa

 Il 26 novembre 2009 il Superiore Generale, P. Giorgio Nalin, accompagnato dal Consultore Generale, P. Giovanni Guarino, e dal Segretario Generale, P. Fortunato Siciliano, ha iniziato la visita alla Delegazione dell’Africa, La prima comunità incontrata è stata quella di Edea (Camerun). Essa è composta da tre religiosi, P. Willy Cruz, Superiore della Casa, P. Philip Golez, Vice ed Economo, ed il magisteriante Etienne Lipem. È un seminario di prima accoglienza con otto giovani. Fra alcuni giorni passerà a Yaounde, e quindi, dal 4 dicembre, sarà la volta del Rwanda con le comunità di Cyangugu e di Nyanza, sede della Delegazione. Il suo rientro in Italia è previsto il 12 dicembre. Nella foto la prima accoglienza della comunità di Edea.

Palermo: 50 anni di storia a favore dei sordi

L'istituto per sordi Annibale Di Francia di Palermo compie in questi giorni 50 anni di vita e di apostolato. Avviato il 27 novembre 1959 da P. Antonio Coluccia su mandato del superiore generale P. Luigi Appi, a via S. Martino 9 con pochi ragazzi sordi, l'istituto si è trasferito in altri 4 siti prima di approdare a Via Castellana dove attualmente svolge un significativo servizio sul territorio per i ragazzi sordi di Palermo e della Sicilia occidentale. Per l'occasione, con la collaborazione della Regione siciliana, la Provincia regionale di Palermo, il Comune di Palermo, il Ministero della Gioventù e la Curia Arcivescovile di Palermo, la direzione della Casa ha organizzato una tre giorni dal 27 al 29 novembre.

Programma

27 novembre:

ore 16.00 inaugurazione della mostra e del 1° concorso nazionale di fotografia con la partecipazione dell'On. Caterina Chinnici assessore regionale della Famiglia.

ore 17.30: Esibizione della corale "Philarmonia" e ricordo storico di P. Angelo Sardone, Consigliere generale e Postulatore generale dei Rogazionisti

28 novembre:

ore 9.00-15.30 Festa con gli alunni sordi.

29 novembre:

ore 11.30 Concelebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo mons. Paolo Romeo.

Riunita in Curia la Commissione Precapitolare

Dal 23 e 24 novembre è riunita nella Curia Generalizia la Commissione precapitolare che è chiamata a “preparare l’Instrumentum laboris per il Capitolo, sulla base dell’elaborato della Commissione precedente”, che ha preparato i Lineamenta. Essa è composta dai seguenti congregati: P. Abcede Herman, P. Calò Adamo, P. D’Agostino Rodolfo, P. Di Pasquale Mario, P. Magistro Vito, P. Maia Gilson Luiz, P. Marino Claudio, P. Montaña Danny, P. Sibomana Venuste, P. Velutheppilly Vinu. Le Norme sulla preparazione del Capitolo generale precisano che la Commissione “ove occorre, si avvale, dell’aiuto e consulenza di persone esperte, anche laiche”. Dispongono, inoltre, che “L’Instrumentum laboris sarà inviato ai Capitolari cinque mesi prima dell’inizio del Capitolo” e che “I Capitolari potranno far pervenire alla Commissione i loro emendamenti entro due mesi dall’inizio del Capitolo per consentire alla Commissione la stesura finale”.

Oria: oltre il Centenario

Si è concluso con successo il Convegno storico del Centenario promosso dalle Case Rogazioniste di Oria insieme con l'Istituto storico Annibale Di Francia e la collaborazione dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, sezione di Brindisi. Il contributo offerto dagli studiosi, con il coordinamento e la direzione del prof. Cosimo Diamo Fonseca noto accademico dei Lincei, è l'espressione di una ricerca sistematica e scientifica e fornisce nuovo materiale di studio che presto sarà offerto con una pubblicazione adeguata. La storia ha riportato i dati di cose compiute e realizzate. Occorre ora andare oltre il Centenario con una prospettiva che sia, sulla scorta di quella del Fondatore, ancorata alla Provvidenza, ma anche profetica ed audace.

INAUGURAZIONE DI UN ORATORIO INTITOLATO A S.ANNIBALE DI FRANCIA

“Non si tratta solo di una struttura quanto, soprattutto, di un luogo aggregativo là dove, oltre alla scuola materna ed elementare ‘don Tonino Bello’, i 4200 abitanti del quartiere hanno il niente”. Viene presentata così la nascita (domani, ore 16) dell’oratorio Croci-Camaggio ad Andria, intitolato a Sant’Annibale Maria di Francia. Dopo la Messa presieduta dal vescovo, mons. Raffaele Calabro, si svolgerà la benedizione dei locali con la partecipazione del parroco, don Riccardo Agresti, e del cantautore Claudio Baglioni, che ha contribuito alla realizzazione dell’opera. Le attività dell’oratorio si rifanno a tre linee di intervento “secondo l’antropologia evangelica”: quella della promozione culturale e sociale, “che a partire da specifici bisogni o interessi tenderà a mettere in contatto le varie esperienze culturali, anche attraverso l’iterazione con le istituzioni sociali ed ecclesiali”; quella ludicoricreativa, che sarà “caratterizzato dal gioco, dallo sport, dalla festa quali momenti di creatività, di serenità e di sano divertimento”; quella della formazione cristiana “orientata alla conoscenza dei contenuti della fede ed alla scelta personale della causa del Vangelo”. La cerimonia verrà trasmessa in diretta in simulcast sulla rete internet, digitale terrestre e analogica di Tele Dehon.  (Agenzia SIR - 11 novembre 2009)

2ª Giornata di Studio 2009

Il 18 novembre 2009 si tiene nei locali della Curia Generalizia, organizzata dal Centro Studi Rogazionisti, la seconda Giornata di Studio 2009, che ha per tema: Per “Un Saggio di Spiritualità del Rogate”. Si svolge secondo il seguente programma: Ore 9,00: Saluto e introduzione
(P. Antonio Fiorenza rci, Consigliere Generale per Formazione e Studi).
Presentazione e conduzione dei lavori - (P. Luciano Cabbia rci, Direttore Centro Studi Rogazionisti)
Ore 9,15 : I Relazione Il Rogate biblico nella prospettiva della teologia spirituale: un percorso di teologia neotestamentaria. (Rev. Prof. Don Giuseppe De Virgilio)
Ore 10,15: Dibattito Ore 11,00: Intervallo Ore 11,15: II Relazione Itinerario spirituale di Annibale Maria Di Francia: dalla poesia all'amore per la Sacra Scrittura. (Rev. P. Tiziano Pegoraro)
Ore 12,15: Dibattito
Ore 13,00: Fine prima sessione di lavoro Ore 16,00: III Relazione Spiritualità cristiana tra Ottocento e Novecento.
Il Cristo delle devozioni: l'Eucaristia e il Sacro Cuore. (Rev. Prof. P. Laurent Touze)
Ore 17,00: Dibattito
Ore 19,00: Fine dei lavori della Giornata di Studio.

Conclusa la visita del Padre Generale alla Delegazione dell’India

La visita del Padre Generale, P. Giorgio Nalin, alla Delegazione dell’India, accompagnato dal Vicario Generale, P. Antonio Fiorenza, e dal Segretario Generale, P. Fortunato Siciliano, iniziata il 5 novembre 2009, si è conclusa la sera del 16 novembre, per quanto riguarda il passaggio nelle comunità, ed avrà un momento di chiusura ufficiale intorno alla metà dicembre, in Roma, con la presenza del Governo della Delegazione. La prima comunità ad essere visitata è stata quella di Aluva, con lo studentato di teologia e filosofia. Si è detto già dell’incontro con un numeroso gruppo dei bambini e famiglie delle adozioni a distanza. Resta di aggiungere che, sempre la sera del 7 novembre, si è stati a cena con le Figlie del Divino Zelo della Comunità di Kochi. Il giorno seguente ci si è portati alla Comunità del Noviziato di Meenangady. Sulla strada si visitato il terreno acquistato dalla Delegazione in località di Attapady, Palakkad, in Kerala, al confine con il Tamilnado; nella città di Coimbatore, Tamilnado,  e si è incontrato il vescovo di Palakkad, Sua Ecc.za Mons. Jacob Manathodath, ineressato che da parte della Congregazione si avvii una presenza nella sua diocesi, con una scuola tecnico-professionale per i giovani. A Meenangady si verifica il buon andamento della costruzione della nuova sede del noviziato che, in previsione, dovrebbe essere completata entro l’anno. Il 10 novembre si passa alla casa di Mananthavady, sede del seminario di Plus One e Plus Two. Si ha modo di apprezzare, fra l’altro, le varie attività avviate nei terreni della casa, con l’agricoltura ed alcuni allevamenti. Nel pomeriggio del 12 novembre si parte per Hyderabad dove si è accolti dai Padri Salesiani, che da alcuni mesi ospitano due nostri Confratelli, P. Shaju Koonathan e P. Saji Kappikuzhy. I nostri due Padri in quella città stanno compiendo una esperienza missionaria, ponendosi alla scuola dei Salesiani che, in quella come in tante altri parti dell’India, operano per i ragazzi di strada. Si incontra il Superiore Provinciale dei Salesiani e si visitano diversi di questi centri di accoglienza. Prima di rientrare in Kerala si compie anche una visita a New Delhi. La mattina del 16 dicembre si ritorna ad Aimury. Qui il Padre Generale, nella tarda mattinata, benedice la parte nuova della casa, appena completata, ed apre le olimpiadi di palla canestro organizzati per i seminaristi.  Nel pomeriggio ci si traferisce ad Aluva, per la parte conclusiva della visita. All’incontro con quasi tutti i Padri e Diaconi della Delegazione segue la concelebrazione eucaristica, ed infine uno spettacolo culturale. A cena sono invitati i parroci con i quali si collabora, le Figlie del Divino Zelo di alcune comunità vicine, ed altri amici dell’Istituto. Nelle immagini, in ordine: Il Padre Generale accolto da P. Devassy ad Aluva. In visita ad una famiglia delle adozioni a distanza. A mensa con le Figlie del Divino Zelo. Con il vescovo di Palakkad, Sua Ecc.za Mons. Jacob Manathodath. L’accoglienza alla casa di Mananthavady. Nella sede dei Salesiani con i raagazzi di Hyderabad. La concelebrazione conclusiva.Image