Curia Generalizia

Centro Studi Rogazionisti

Mercoledì 7 maggio si è svolta presso la Curia
Generalizia di Roma una Giornata di Studio promossa dal “Centro Studi
Rogazionsti”. Ha aperto i lavori P. Tiziano Pegoraro che ha tenuto una
relazione su “La parola di Dio nella vita e negli scritti di Annibale Maria Di
Francia”; ha fatto seguito l’intervento di P. Niccolò Rizzolo che ha presentato
uno studio su “La scrittura nella vita dei Rogazionisti. Una lettura alla luce
del carisma in vista del Sinodo dei vescovi sulla Parola di Dio (ottobre 2008)”.   

La giornata è proseguita con la relazione di P.
Mario Di Pasquale che ha approfondito il tema “La speranza in Annibale Maria Di
Francia a partire dalla ‘Spe Salvi’ di Benedetto XVI”.  All’incontro diretto da P. Fiorenza,  hanno preso parte diversi religiosi
rogazionisti tra cui vari giovani dello studentato teologico  e alcune Figlie del Divino Zelo. La giornata
di studio è stata un’occasione importante per esprimere e favorire l’impegno
culturale della Congregazione, per stimolare il dibattito e il confronto e per
rafforzare la volontà di qualificare meglio il Centro Studi e la rivista “Studi
Rogazionisti”.  

Ordinazione sacerdotale di P. Massimiliano Nobile

Sabato 26 Aprile 2008, nella Basilica Cattedrale di Monreale, Palermo,  il diacono P. Massimiliano Nobile è stato consacrato Presbitero per l'imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di Sua Ecc. Mons. Salvatore Di Cristina, Arcivescovo di Monreale. Alla celebrazione erano presenti, i genitori e famigliari del novello sacerdote,  inoltre vi era il Superiore Provinciale, P. Francesco Bruno, e numerosi confratelli venuti da diverse Case rogazioniste. Gli auguri più sentiti al novello Sacerdote.Image

P. Antonio Maldera ordinato sacerdote

Sabato 19 Aprile 2008, in Corato – Bari,  il diacono P. Antonio Maldera è stato consacrato Presbitero per l'imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di Sua Ecc. Mons. Giovan Battista Pichierri Vescovo di Trani-Barletta-Bisceglie e Nazareth. Alla celebrazione tenutasi nella chiesa Matrice della cittadina erano presenti,i genitori e i fratelli del novello sacerdote, tra cui P. Sabino e i parenti tutti, inoltre vi erano P. Fiorenza vicario generale, P. Francesco Bruno Provinciale Italia Centro-Sud, P. Sebastiano De Boni vicario Provincia Italia Centro-Nord e molti confratelli venuti da tutta italia. Erano presenti le autorità cittadine, numerosi  gli amici giunti per l'occasione anche da molto lontano come Polonia e Svizzera, e non è mancato come sempre l'affetto delle famiglie Rog. in particolare quelle di Grottaferrata deve P. Antonio ha trascorso molti anni di studio. Auguri al novello Sacerdote

Incontro dell’Equipe di Formazione Permanente

 Dal 25 al 27 aprile 2008 è riunita a Roma, sotto la presidenza del Vicario Generale, P. Antonio Fiorenza, l’Equipe di Formazione Permanente. Partecipano i seguenti religiosi: P. Ciro Fontanella e P. Sandro Perrone, dalla Provincia Italia Centro-Sud; P. Sebastiano De Boni e P. Luciano Cabbia, dalla Provincia Italia Centro-Nord; P. Vito Curci e P. Gilson Maia, dalla Provincia Latino-Americana; P. René Ramirez e P. Christopher Salonga, dalla Delegazione Filippino-Indiana.

THE NEW INDIAN DELEGATION

The General assembly of Perpetually Professed Rogationist religious of India was convoked on April, 19, 2008 at Rogate Ashram, Aluva, in view of constituting the new Indian Delegation. The participants consisted of seventeen priests and three Deacons. The assembly came out with a new vision and mission responding to the current socio-political-religious scenario of India and in particular the Charism of the Congregation. On the last day of the General assembly, Fr. Giorgio Nalin, the Superior General of the Rogationists, announced the name of the new Delegate superior, Fr. Luigi Toffanin and his three councilors: Fr. Vito Lipari, Fr. Devassy Painadath and Fr. Varghese Panikessery as the secretary.

Formazione Permanente 2008

            Anche quest’anno, nell’ambito delle iniziative di formazione permanente, nel periodo estivo si terranno i corsi quinquennali, le settimane bibliche e gli esercizi spirituali per la Famiglia del Rogate. Li ricordiamo per facilitare la programmazione.

            I due corsi si tengono rispettivamente nei mesi di giugno-luglio (22 giugno - 20 luglio) e di settembre-ottobre (21 settembre – 19 ottobre). Secondo l’esperienza fatta negli anni precedenti, i corsi sono suddivisi in quattro settimane, delle quali una verte sulla sacra scrittura, una su temi culturali, teologici e pastorali, una è dedicata alla vita religiosa rogazionista e l’ultima impegnata in un pellegrinaggio mariano a Fatima - Santiago di Compostela.

            Le due settimane bibliche si svolgono: la prima dal 7 al 12 luglio (B. Costacurta: “Piccoli libri, grandi personaggi: Tobia, Giuditta, Ester, Rut, Giona), la seconda  dal 22 al 27 settembre (A. Valentini, Testimoni del Risorto sino ai confini della terra – At 1,8: corso biblico sugli Atti degli Apostoli).

            Entrambi i corsi si tengono presso il Centro di Spiritualità Rogate di Morlupo.

            È programmato, inoltre, nella stessa sede il corso di Esercizi spirituali per la Famiglia del Rogate dal 26 (27) luglio al 2 agosto 2008 dal tema “Vi ho dato l’esempio” (Gv 13,14) – Itinerario spirituale nel Vangelo di Giovanni con introduzione al metodo della “lectio divina”, guidato dal docente di teologia biblica don Giuseppe De Virgilio.

 

Scaricare il programa

 Formazione Permanente 2008

Buon Onomastico al Superiore Generale P. Giorgio Nalin

            Il Superiore Generale, P. Giorgio Nalin, il 23 aprile festeggia il suo onomastico, in India, dove si trova per l’avvio della nuova Delegazione. Rientrerà a Roma il giorno successivo. Gli siamo vicini formulando gli auguri più cordiali, mentre cogliamo l’occasione per esprimergli la gratitudine per l’impegnativo servizio che svolge alla Congregazione ed assicurargli il nostro ricordo nella preghiera. Pensiamo di fargli cosa gradita ricordando il suo Santo, venerato in tutta la Chiesa.

            San Giorgio è venerato come santo e martire da tutte le chiese cristiane. Visse nel III secolo e morì prima di Costantino, probabilmente a Lydda (presso l'odierna Jaffa in Palestina), secondo alcune fonti nel 303. Il suo culto risale al IV secolo.

            Non ci sono notizie certe sulla vita e sulla stessa esistenza di San Giorgio.

            Le principali informazioni ci provengono dalla Passio Georgii che già però il Decretum Gelasianum del 496 classificava tra le opere apocrife.

            Secondo questa fonte agiografica Giorgio era originario della Cappadocia (zona dell'odierna Turchia), figlio di Geronzio, persiano, e Policromia, cappadoce, nato verso l'anno 280. I genitori lo educarono alla religione cristiana fino al momento in cui entrò nel servizio militare. Trasferitosi in Palestina, si arruolò nell'esercito dell'imperatore Diocleziano, comportandosi da valoroso soldato fino al punto di giungere a far parte della guardia del corpo dello stesso Diocleziano, divenendo ufficiale delle milizie.

            Il martirio sarebbe avvenuto sotto Diocleziano stesso (che però in molte versioni è sostituito da Daciano imperatore dei Persiani), il quale convoca settantadue re per decidere che misure prendere contro i cristiani.

            Giorgio dona ai poveri tutti i suoi averi, e, davanti alla corte, si confessa cristiano; all'invito dell'imperatore di sacrificare agli dei si rifiuta ed iniziano le numerose scene di martirio.

            Secondo la leggenda viene battuto, sospeso, lacerato e gettato in carcere dove ha una visione di Dio che gli predice sette anni di tormenti, tre volte la morte e tre la resurrezione.

            Tagliato in due con una ruota piena di chiodi e spade, Giorgio risuscita operando la conversione del magister militum Anatolio con tutti i suoi soldati, che vengono uccisi a fil di spada; entra in un tempio pagano e con un soffio abbatte gli idoli di pietra; converte l'imperatrice Alessandra che viene martirizzata.

            A richiesta del re Tranquillino, Giorgio risuscita diciassette persone morte da quattrocentosessant'anni, le battezza e le fa sparire; l'imperatore lo condanna nuovamente a morte, ed il santo prima di essere decapitato, implora a Dio che l'imperatore ed i settantadue re siano inceneriti; esaudita la sua preghiera Giorgio si lascia decapitare promettendo protezione a chi onorerà le sue reliquie, le quali sono conservate in una cripta sotto la chiesa cristiana (di rito Greco-Ortodosso), presso Lod, in Israele.

            Nel Medioevo la lotta di San Giorgio contro il drago diviene il simbolo della lotta del bene contro il male e per questo il mondo della cavalleria vi vide incarnati i suoi ideali. La leggenda del soldato vincitore del drago contribuisce al diffondersi del suo culto che diviene popolarissimo in Occidente ed in tutto l'Oriente bizantino, ove è per eccellenza il «grande martire» e il «trionfatore». Rapidamente egli diviene un santo tra i più venerati in ogni parte del mondo cristiano.

            Forse nessun santo ha riscosso così tanta venerazione quanto San Giorgio. A testimonianza di ciò sono le numerossissime chiese dedicate al suo nome.

            In Italia il culto per San Giorgio fu assai diffuso. A Roma, Belisario (ca 527) affidò alla protezione del santo la porta di San Sebastiano e la chiesa del Velabro, dove venne poi trasferito il cranio di San Giorgio, trovato nel patriarchi lateranense da papa Zaccaria (744752). Gli è dedicato il palio di Ferrara nel quale il premio è appunto il drappo del "Santo Zorzo", mentre a Gubbio è uno dei tre santi nel cui nome si svolge la festa dei ceri.

            La sua croce rossa in campo bianco è simbolo anche di Genova, Bologna e di Milano.

            In Germania sono a lui dedicate molte acque ritenute miracolose. San Giorgio è anche patrono dell'Inghilterra, di intere Regioni spagnole (e della città di Barcellona, tanto che a lui Gaudì dedicò la Casa Batllò), del Portogallo, della Lituania; di innumerevoli città e comuni, elencati di seguito; nella sola Italia vi sono ben ventuno comuni che portano il suo nome.

            Da ricordare ancora che Georgia è il nome di uno stato degli Stati Uniti d'America e di una Repubblica caucasica; portarono il suo nome sei re di Gran Bretagna e Irlanda, due re di Grecia e altri dell'Est europeo. A Malta vi è una "Baia di San Giorgio". È presente anche sullo stemma di Mosca.

            Vari Ordini cavallereschi portano oggi il suo nome e i suoi simboli, fra i più conosciuti si hanno: l'Ordine della Giarrettiera, l'Ordine Teutonico, l'Ordine Militare di Calatrava; il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, e molti altri.

            Il nome di San Giorgio era invocato contro i serpenti velenosi, la peste, la lebbra e la sifilide e, nei paesi slavi, contro le streghe. Grande venerazione riscosse il sepolcro del martire e le sue reliquie furono trasferite, probabilmente durante l'invasione persiana all'inizio del sec. VII o, poco dopo, all'arrivo dei musulmani in Palestina.

            Detto questo, è facile intuire come il suo culto, così diffuso in tutti i secoli, abbia superato le perplessità sorte in seno alla Chiesa a causa della mancanza di notizie certe e comprovate sulla sua vita. Nel 1969 lo declassò nella liturgia ad una memoria facoltativa; comunque i fedeli di ogni luogo dove è venerato hanno continuato a tributargli la loro devozione millenaria.

            La festa liturgica si celebra il 23 aprile. La sua memoria è celebrata in questo giorno anche nei riti siro e bizantino. Viene onorato, almeno dal IV secolo, come martire di Cristo in ogni parte della Chiesa.

            San Giorgio è da sempre considerato santo patrono degli Scout e delle Guide. Questo non per le origini inglesi del movimento, bensì per la simbologia a lui legata, dei cavalieri e del bene che sconfigge il male[1]. Nella tradizione italiana la Festa di San Giorgio è il giorno del rinnovo dedicato al rinnovo della promessa, proprio per la vicinanza del cerimoniale della promessa a quello della cavalleria. Nei pressi di questa data spesso vengono organizzate attività intergruppo chiamate Campo San Giorgio, che si svolge attorno al 23 aprile. Anche nelle associazioni scout non confessionali (come ad es. quella britannica) il giorno di San Giorgio viene sempre adeguatamente festeggiato, spesso con una parata.

            San Giorgio è anche il santo patrono dei lattai della Lombardia.

Tra gli Slavi di Carinzia assume l'aspetto folcloristico di un rito per ottenere la pioggia (Giorgio verde); tra i Georgiani, invece, si celebra il 14 agosto e ha preso il posto di una festa al dio Luno (Giorgio bianco). Altri paesi slavi sostituirono il culto di Jarylo con quello di san Giorgio.

            Nel Medioevo la lotta di San Giorgio contro il drago diviene il simbolo della lotta del bene contro il male e per questo il mondo della cavalleria vi vide incarnati i suoi ideali. La leggenda del soldato vincitore del drago contribuisce al diffondersi del suo culto che diviene popolarissimo in Occidente ed in tutto l'Oriente bizantino, ove è per eccellenza il «grande martire» e il «trionfatore». Rapidamente egli diviene un santo tra i più venerati in ogni parte del mondo cristiano.

            Forse nessun santo ha riscosso così tanta venerazione quanto San Giorgio. A testimonianza di ciò sono le numerosissime chiese dedicate al suo nome.

            In Italia il culto per San Giorgio fu assai diffuso. A Roma, Belisario (ca 527) affidò alla protezione del santo la porta di San Sebastiano e la chiesa del Velabro, dove venne poi trasferito il cranio di San Giorgio, trovato nel patriarchi lateranense da papa Zaccaria (744752). Gli è dedicato il palio di Ferrara nel quale il premio è appunto il drappo del "Santo Zorzo", mentre a Gubbio è uno dei tre santi nel cui nome si svolge la festa dei ceri.

            La sua croce rossa in campo bianco è simbolo anche di Genova, Bologna e di Milano.

            In Germania sono a lui dedicate molte acque ritenute miracolose. San Giorgio è anche patrono dell'Inghilterra, di intere Regioni spagnole (e della città di Barcellona, tanto che a lui Gaudì dedicò la Casa Batllò), del Portogallo, della Lituania; di innumerevoli città e comuni, elencati di seguito; nella sola Italia vi sono ben ventuno comuni che portano il suo nome.

            Da ricordare ancora che Georgia è il nome di uno stato degli Stati Uniti d'America e di una Repubblica caucasica; portarono il suo nome sei re di Gran Bretagna e Irlanda, due re di Grecia e altri dell'Est europeo. A Malta vi è una "Baia di San Giorgio". È presente anche sullo stemma di Mosca.

            Vari Ordini cavallereschi portano oggi il suo nome e i suoi simboli, fra i più conosciuti si hanno: l'Ordine della Giarrettiera, l'Ordine Teutonico, l'Ordine Militare di Calatrava; il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, e molti altri.

            Il nome di San Giorgio era invocato contro i serpenti velenosi, la peste, la lebbra e la sifilide e, nei paesi slavi, contro le streghe. Grande venerazione riscosse il sepolcro del martire e le sue reliquie furono trasferite, probabilmente durante l'invasione persiana all'inizio del sec. VII o, poco dopo, all'arrivo dei musulmani in Palestina.

            Detto questo, è facile intuire come il suo culto, così diffuso in tutti i secoli, abbia superato le perplessità sorte in seno alla Chiesa a causa della mancanza di notizie certe e comprovate sulla sua vita. Nel 1969 lo declassò nella liturgia ad una memoria facoltativa; comunque i fedeli di ogni luogo dove è venerato hanno continuato a tributargli la loro devozione millenaria.

            La festa liturgica si celebra il 23 aprile. La sua memoria è celebrata in questo giorno anche nei riti siro e bizantino. Viene onorato, almeno dal IV secolo, come martire di Cristo in ogni parte della Chiesa.

            San Giorgio è da sempre considerato santo patrono degli Scout e delle Guide. Questo non per le origini inglesi del movimento, bensì per la simbologia a lui legata, dei cavalieri e del bene che sconfigge il male[1]. Nella tradizione italiana la Festa di San Giorgio è il giorno del rinnovo dedicato al rinnovo della promessa, proprio per la vicinanza del cerimoniale della promessa a quello della cavalleria. Nei pressi di questa data spesso vengono organizzate attività intergruppo chiamate Campo San Giorgio, che si svolge attorno al 23 aprile. Anche nelle associazioni scout non confessionali (come ad es. quella britannica) il giorno di San Giorgio viene sempre adeguatamente festeggiato, spesso con una parata.

            San Giorgio è anche il santo patrono dei lattai della Lombardia.

            Tra gli Slavi di Carinzia assume l'aspetto folcloristico di un rito per ottenere la pioggia (Giorgio verde); tra i Georgiani, invece, si celebra il 14 agosto e ha preso il posto di una festa al dio Luno (Giorgio bianco). Altri paesi slavi sostituirono il culto di Jarylo con quello di san Giorgio.

(da Wikipedia)

I Rogazionisti con i poveri in San Paolo

ImageLo scorso 16 aprile vi è stata la presa di possesso del nuovo gruppo direttivo dell’opera dei Rogazionisti in San Paolo (Brasile) per l’accoglienza e l’assistenza dei poveri. Si tratta di una sede, denominata “Albergue Zancone”, dal nome del povero che ha guidato il giovane Annibale Maria Di Francia nel quartiere Avignone di Messina all’inizio della sua missione, e che presta servizio a circa 200 poveri, offrendo il pasto, consentendo la pulizia personale, e per limitati tempi di emergenza, anche un posto letto. Come si rileva è un apostolato prezioso che viene svolto in una zona della città che vede una presenza considerevole di poveri. 

Avvio della Delegazione dell’India

ImageDal 19 al 21 aprile i religiosi rogazionisti, professi perpetui, dell’India sono convocati in Aluva per l’Assemblea con la quale il Superiore Generale, P. Giorgio Nalin, darà avvio alla Delegazione dell’India. Questo importante appuntamento è stato preparato da una commissione, coordinata dal Delegato ad personam, P. Luigi Toffanin. Nella giornata introduttiva, anche attraverso l’intervento del Padre Generale, si darà uno sguardo al cammino percorso dalla Congregazione in India, a partire dagli inizi. Nei giorni seguenti, l’assemblea sarà accompagnata ad entrare nella novità della Delegazione attraverso gli interventi di P. David Francis, dei Padri Cappuccini, e di P. Thomas Aikkara, dei Padri Carmelitani. Sono previsti incontri di preghiera e gruppi di lavoro. In chiusura, lunedì 21, il Padre Generale annunzierà il Governo della Delegazione.

Incontro a San Paolo degli Operatori delle parrocchie e santuari

Secondo la Programmazione della Provincia Latino-Americana, sabato 19 e domenica 20 aprile si tiene nel centro Rogate di S. Paulo del Brasile il terzo incontro dei responsabili delle parrocchie e dei santuari rogazionisti con il coinvolgimento dei religiosi addetti e delle forze laicali. Sono
affrontati i seguenti temi:
1.     La cultura vocazionale nelle parrocchie e santuari 2.     Le prospettive della Pastorale giovanile rogazionista 3.     Le direttive e linee comune di azione 4.     Le esperienze delle realtà locali nella Pastorale Giovanile.

Porteranno sicuramente uno scambio di idee ed una produzione efficace di iniziative e comuni linee di azioni. Potrebbe essere l'occasione buona per elaborare anche i contributi per la formulazione del Progetto di Pastorale Giovanile Rogazionista.