Messina: una targa per l’intuito del Rogate

Come programmato nella mattinata di mercoledì 26 ottobre la chiesa di S. Giovanni di Malta a Messina, presente un folto numero di persone convenute, la stampa e diverse classi dell'Antoniano di Messina, è stata teatro di una bella manifestazione organizzata dall'Istituto Comprensivo Manzoni-Dina e Clarenza, la posa di una targa commemorativa che ricorda l'intuizione del Rogate colta da S. Annibale.

Aveva appena 17 anni quando nell'antica chiesa, abbattuta nel terremoto di Messina del 1908, il giovane Annibale nel corso dell'adorazione eucaristica a Gesù esposto per le solenni Quarantore Circolari nella città, come egli stesso raccontava, colse per intuito, l'importanza della preghiera per le vocazioni. La manifestazione si colloca nel quadro del progetto “Sulle vie di S. Annibale” avviato qualche anno fa in collaborazione con la Provincia Rogazionista S. Annibale nella persona dell'ex Superiore Provinciale P. Angelo Sardone che ha seguito passo passo la sua evoluzione, coniando le iscrizioni che sono state incise nelle varie formelle, e realizzato a suo tempo un incontro culturale con il personale docente del comprensorio scolastico. Ha presenziato la cerimonia la dirigente scolastica dr.ssa Rosalia Schirò, pronipote di S. Annibale ed il dr. Marco Grassi membro dell'Associazione Aurea, studioso di S. Placido le cui reliquie sono custodite in questa chiesa, membro dell'Associazione Aurea che accoglie i pellegrini e visitatori. Erano presenti anche P. Michele Marinelli e Sr. Maria Signore delle Figlie del Divino Zelo. P. Sardone ha tenuto un intervento storico e benedetto la formella che documenta il passaggio di S. Annibale ed il dono del Rogate qui intuito. I bambini del Piccolo Coro dell'Antoniano di Messina sotto la direzione di Angelo Minutoli e Santino De Meo, hanno allietato la manifestazione con canti che inneggiavano a S. Annibale. Il tutto con la regia della maestra Sara Scipilliti. (dal sito della Provincia Sant’Annibale)

Commenti

Ritratto di Siciliano Fortunato
Inviato da Siciliano Fortunato il Sab, 11/05/2016 - 12:00

molto, molto bene, complimenti, penso che più che di un intuito si potrebbe parlare di una rivelazione di quello che poi sarà il carisma della Congregazione grazie, padre fortunato