Esperienza di Casa di Preghiera a Grottaferrata

7 ottobre 2016 - Nell’ultima sua lettera circolare il Superiore della Provincia Sant’Annibale, P. Giorgio Nalin, in data 1° ottobre 2016, fra l’altro ha dato la seguente notizia.

“Desidero comunicarvi, infine, che, con il consenso del Consiglio Provinciale, verrà avviata prossimamente una presenza nella casa di Grottaferrata, che si trova chiusa da diversi anni, in vista di verificare la realizzazione in quella sede di una Casa di Preghiera e che ho affidato al P. Francesco Bruno, che ne ha promosso la disponibilità, l’incarico di dare inizio a questa nuova realtà.

L’iniziativa si pone nella prospettiva di dare concreto seguito agli stimoli del Documento del XII Capitolo Generale che sottolinea l’importanza della “contemplazione e della preghiera continua” come “espressioni significative della ricchezza del carisma” (n. 34) e della nostra Regola di Vita che prevede ed incoraggia l’istituzione di organismi quali “i Centri Vocazionali Rogate, i Centri di Spiritualità e le Case di Preghiera” (Costituzioni, 69).

La Casa di Preghiera, che si intende avviare, si propone di essere una comunità rogazionista che vive con radicalità il Vangelo e la Regola di Vita e fa della preghiera rogazionista il centro della sua esperienza comunitaria. Da tale impegno potranno nascere iniziative apostoliche di evangelizzazione e di carità.

Il P. Francesco Bruno farà giuridicamente parte della Comunità dello Studentato di Roma, mentre l’iniziativa a Grottaferrata sarà accompagnata e sostenuta dal Governo della Provincia.

Vi invito ad accompagnare da vicino con la preghiera questa realtà nascente, che affidiamo ai nostri divini Superiori e all’intercessione celeste del nostro Fondatore Sant’Annibale Maria Di Francia”.

I migliori auguri, P. Francesco, con la benedizione di Nostra Signora del Rosario!