Trezzano, Scola inaugura il nuovo oratorio

22.06.2014 - Era atteso da 50 anni e finalmente il momento è arrivato, tanto che per l’inaugurazione del nuovo oratorio San Lorenzo Martire dei Rogazionisti a Trezzano sul Naviglio, nel quartiere Zingone, la comunità parrocchiale accoglierà il cardinale Angelo Scola. A lui il compito di inaugurare e benedire il nuovo oratorio. All’arrivo l’Arcivescovo incontrerà i ragazzi e gli animatori dell’oratorio estivo. Subito dopo, alle 17, si apriranno i cancelli dell’oratorio per tutta la comunità, genitori e autorità per l’inaugurazione.

Si tratta della realizzazione di nuove strutture all’interno del centro parrocchiale per garantire adeguati spazi per le attività religiose, ricreative e sportive per i ragazzi, i giovani, gli adulti e le famiglie. «In estrema sintesi - spiega il parroco padre Renato Spallone - è stata prevista la realizzazione di una nuova struttura polivalente che al piano terra prevede un salone per l’oratorio, un bar, cinque salette per la catechesi più la segreteria e al primo piano la struttura abitativa per il clero. Inoltre è stato realizzato un campo di calcio a cinque con erba sintetica, completo di tutti gli accessori e gli impianti a corredo e opere esterne di sistemazione del cortile e degli spazi gioco scoperti. La comunità parrocchiale di San Lorenzo ha scelto di investire spazi ed energie sui ragazzi, giovani e famiglie, convinta che proprio con loro si gioca il futuro e la “novità” della fede cristiana. La passione missionaria, in un ambiente frammentato come il nostro, mi ha spinto a osare, e grazie alla determinazione, al sostegno del Consiglio pastorale, Affari economici e d’oratorio, con il contributo essenziale e costante di tutta la comunità, il nuovo centro parrocchiale è ormai realtà. Ogni persona che ricopre un qualsiasi ruolo in parrocchia o in oratorio ha una “funzione educativa”, per questo è in costante elaborazione e attuazione un progetto di formazione per catechisti, educatori, genitori, adolescenti ed animatori, ai quali è chiesta attiva collaborazione per l’animazione e formazione umana e cristiana dei nostri ragazzi e giovani».

Le fasi della costruzione del nuovo sono partite a settembre del 2012, con la posa e la benedizione della prima pietra alla presenza di monsignor Mario Delpini, Vicario generale della Diocesi. Il cantiere è stato aperto ufficialmente nel marzo del 2013 e da allora di strada ne è stata fatta, tanto che i lavori sono finiti addirittura con cinque mesi di anticipo sui tempi stabiliti per la consegna. A dicembre nel 50° di fondazione della parrocchia San Lorenzo, monsignor Delpini aveva presieduto una solenne concelebrazione, non prima di aver scoperto la targa ricordo posta sulla porta d’ingesso, seguita dalla «benedizione papale».

Il 26 gennaio, in occasione della festa della Sacra Famiglia, si è poi tenuto il primo appuntamento nel salone polifunzionale del nuovo oratorio. «Tutti i partecipanti non si sono risparmiati nelle espressioni di ammirazione e di complimenti per la nuova struttura e in particolare del salone», conclude padre Spallone.

Lo stesso monsignor Delpini, qualche giorno fa ha inviato al parroco un biglietto di auguri e di congratulazioni per l’opera terminata: «Caro don Renato, mi unisco alla gioia e alla gratitudine di tutta la Comunità che accoglie l’Arcivescovo per inaugurare e benedire il nuovo oratorio San Lorenzo Martire. È doveroso dire grazie a Lei, a tutti i padri, a tutti coloro che vi hanno lavorato con pazienza, fatica e passione. L’incisività educativa, la gioia di ritrovarsi, i frutti spirituali di questo ambiente, gestito con spirito di fede, con lungimiranza e profezia, ricompensino di tanto lavoro». (Da IncrociNews – Settimanale della Diocesi Ambrosiana)