MUSEO AFRICANO A ORIA

La mostra composta dei oggetti artistici dell'africa, è stata realizzata progressivamente da padre Arturo Mele durante e dopo l'esperienza missionaria in Rwanda. Si tratta di immagini, di quadri, di statue in legno, pelli di animali ecc. Da giovedì, 11/02/2016 a domenica 15/02/2016, Padre Venuste Sibomana e Padre Ndahimana Jean Baptiste, siamo andati a Oria per dare una mano alla comunità di Oria al fine di sistemare la mostra degli oggetti preziosi africani specialmente del Rwanda (cf. le foto in allegato). Questo Museo realizzato da Padre Arturo MELE, nella Casa di Oria, ci manifesta una straordinaria predisposizione d’amore verso la missione nella terra africana. Possiamo affermare che questi oggetti artistici, costituiscono un segno profondo di una missione inculturata e un fondamento per leggere l’inizio della storia della missione rogazionista in Africa. Quello che è essenziale, è prendere in considerazione lo spirito di determinazione e di coraggio che ha caratterizzato i primi missionari che hanno iniziato quest’opera di diffondere il rogate nell'Africa, imitando l'esempio carismatico di sant’Annibale Maria Di Francia. Per diffondere il Rogate in questa terra hanno saputo conciliare il vangelo e la cultura, non in parole ma in pratica, senso della vera inculturazione, perché, l’uno non esclude l’altro.

Questo Museo è molto utile, può offrire un’opportunità per fare conoscere, in un certo modo, ai fedeli e amici che lo vistano, la presenza e la missione dei Rogazionisti in Africa e specificamente in Rwanda.

P. NDAHIMANA Jean Baptiste,rcj