Cracovia. Cronaca del Primo Simposio Internazionale “Sulle orme di Sant’Annibale Maria Di Francia"

Oggi, Venerdì 25 ottobre 2013 si è svolto presso la Casa del Pellegrino del Santuario della Divina Misericordia di Cracovia (POLONIA), il primo Simposio Internazionale “SULLE ORME DI…SANT’ANNIBALE MARIA DI FRANCIA, FONDATORE DEI ROGAZIONISTI” (Śladami Świętego…Annibale Maria Di Francia, założyciel Rogacjonistów). Don Piotr Gąsior, Direttore dell’edizione Cracoviana del giornale Przewodnika Katolickiego, è stato il moderatore di questo evento che ha impegnato la nostra comunità tutto il giorno. Alle 09.00 è intervenuto il CARDINAL STANISŁAW DZIWISZ che, dopo un breve excursus sulla storia di P. Annibale e della Sicilia di fine ‘800 ha avuto parole di apprezzamento per gli organizzatori del Simposio.

Dopo il Presule, il P. GENERALE ha presentato una relazione dal titolo: “I Rogazionisti oggi, caratteristiche della loro missione apostolica”. In essa P. Angelo ha ricordato come i Rogazionisti fondino la loro missione sulla preghiera, elemento indispensabile per preparare il terreno dei cuori all’accoglienza della chiamata; ma ha anche fatto presente come alla “implorazione” occorra far seguire l’azione diffusiva della preghiera vocazionale e l’impegno personale per l’educazione e il soccorso degli ultimi, sull’esempio di S. Annibale.

P. SANDRO PERRONE ha invece affrontato il tema “Annibale Di Francia e la politica. Un rapporto problematico” facendo presente all’uditorio polacco che, data la fragile situazione socio-politica italiana di fine ‘800, non occorre meravigliarsi se P. Annibale tenesse in grande considerazione la linea fascista, antagonista del Socialismo ateo e anticattolico. Tuttavia, c’è anche da dire che, davanti ai bisogni dei suoi poveri, il fondatore decise di non interessarsi personalmente di politica per aprirsi ad ogni aiuto utile, indipendentemente dal “colore” di partito.

Dopo P. Sandro è stato il turno della DOTTORESSA EWA KUCHARSKA che ha tenuto la relazione: “L’assistenza medica come espressione dell’amore del prossimo negli insegnamenti di S. Annibale Di Francia”. La dottoressa ha riconosciuto nello stile con cui P. Annibale assisteva i poveri un tipo di soccorso serio, completo, moderno e rispettoso di tutte le dimensioni della persona: fisica, psichica, morale e spirituale.

DON ROBERT NĘCEK, con un intervento dal titolo: “Reti sociali, nuovi luoghi di evangelizzazione nella pedagogia dei Padri Rogazionisti” ha offerto all’assemblea una panoramica sui più noti social network, incitando i Rogazionisti a sviluppare appieno tutte le potenzialità della rete per l’annuncio del vangelo e l’educazione delle “folle stanche e sfinite”.

Prima della pausa, il nostro P. OTTAVIO VITALE, primo vescovo Rogazionista in Albania, ha relazionato su “Il povero, soggetto privilegiato dell’azione di P. Annibale Maria Di Francia”. Molto interessanti le sue considerazioni che, partendo tutte da noti episodi della vita del Fondatore ne hanno evidenziato la passione sincera per quella parte di umanità che più di altre ha indotto il Signore a gridare: “Rogate!”.

Vivace e intrigante è stata poi la relazione di P. GAETANO LO RUSSO “La pedagogia redentiva nelle opere di S. Annibale Maria Di Francia” nella quale, in maniera estremamente sintetica, ha messo in luce i nove elementi che rendono “redentivo” lo stile pedagogico di S. Annibale. P. Gaetano ha concluso incitando ogni membro dell’assemblea a mettersi in gioco personalmente per dare quel “bene”, quell’amore che chiedono con forza i piccoli e gli ultimi.

Dopo P. Gaetano è stata la volta di P. AGOSTINO ZAMPERINI con un intervento intitolato: “Punti fermi nella Formazione Continua del sacerdote Annibale Maria Di Francia”. Il nostro Postulatore Generale senza cercare per forza segni profetici della moderna formazione permanente nell’esperienza di P. Annibale, ha riferito ai presenti se e come, finita la sua formazione iniziale, il sacerdote Annibale Di Francia avesse dedicato tempo alla formazione continua. Dalla ricerca di P. Agostino sono emersi elementi molto arricchenti, come il primario impegno del Fondatore a voler plasmare il proprio cuore sulla base dei sentimenti del Cuore di Cristo o la grande umanità e obiettività con cui egli spingeva i propri figli a non trascurare l’aggiornamento.

Alle 14.00, P. ANTONINO VICARI ha dato il via alla sessione pomeridiana del Simposio con una relazione su “P. Annibale e la sua opera di prevenzione delle mafie”. Affrontando un tema  che suscita tanta “curiosità” presso i non italiani, P. Antonino ha fatto un rapido excursus sulla storia del fenomeno “Mafia” lasciando poi spazio alla presentazione di P. Annibale come difensore della giustizia sociale ed esempio da imitare per chi volesse schierarsi contro ogni prepotenza perpetrata ai danni dei poveri.

A seguire, P. WŁADYSŁAW MILAK ha presentato il tema: “Annibale Maria Di Francia autentico precursore e zelante maestro della moderna pastorale delle vocazioni” mettendo in evidenza che, grazie ad una profonda vita di fede, ogni buon cristiano può diventare un grande santo, attento alle necessità dei fratelli, come lo è stato P. Annibale.

Ha concluso gli interventi la relazione di P. GIOVANNI SANAVIO: “S. Annibale Maria Di Francia formatore di sacerdoti: sconfitta umana, vittoria di Dio”. In essa P. Giovanni ha individuato e dimostrato come fede semplice, clima familiare e integra trasmissione carismatica siano stati i tre pilastri che hanno permesso a P. Annibale di rendere lo Studentato “resistente” alle sue stesse “incompetenze” formative e alle prove occorse nel tempo alla nostra Congregazione.

Al termine del Simposio il P. Generale ha avuto parole di ringraziamento per la comunità di Cracovia e per gli organizzatori del Simposio ricordando a tutti che, in un tempo in cui vengono richiesti maggiore testimonianza e coraggio alla Chiesa, la preghiera per i buoni e santi operai è quanto mai attuale e necessaria. La Santa Messa nella Basilica della Divina Misericordia ha coronato una giornata in cui il nostro Santo fondatore è stato protagonista indiscusso. Ci auguriamo che il suo esempio penetri sempre più nel cuore polacco per risvegliare in questa terra una rinnovata spinta all’evangelizzazione e alla santità.

 

(Per vedere le altre foto del Simposio clicca qui)

(Per vedere il video del servizio uscito il 25 Ottobre 2013 al telegiornale delle 18.30 su TVP Kraków clicca qui)

(Clicca qui per vedere l'articolo uscito sulla "Katolicka Agencja Informacyjna" il 24 Ottobre 2013)

(Clicca qui per vedere l'articolo uscito sulla "Katolicka Agencja Informacyjna" il 28 Ottobre 2013)

(Clicca qui per vedere l'articolo uscito sul sito dell'Archidiocesi di Cracovia il 28 Ottobre 2013)