9 maggio 2014: Traslazione P. Giuseppe Marrazzo

I resti mortali del Servo di Dio P. Giuseppe Marrazzo riposano da questa sera nel Santuario di Sant'Antonio di Messina, nel luogo in cui per più di 40 anni questo apostolo della riconciliazione ha esercitato il suo ministero nella semplicità e nella fedeltà al Rogate e a Sant'Annibale. La cerimonia di traslazione è avvenuta al termine della Santa Messa delle 18.00, presieduta dal Superiore Generale P. Angelo A. Mezzari, tra un tripudio festante di fedeli accorsi da ogni dove. Oltre a P. Mezzari sono intervenuti nei diversi momenti P. Agostino Zamperini, Postulatore Generale, Mons. Giacinto Tavilla, Notaio dell'Arcidiocesi di Messina e Presidente del Tribunale Ecclesiastico che ha esaminato la causa di beatificazione diocesana del Servo di Dio, P. Mario Magro, Rettore della Basilica Santuario e numerosi fedeli, testimoni diretti delle parole e delle opere che P. Marrazzo realizzò tra il popolo messinese durante la sua vita terrena. La tumulazione di del Servo di Dio nel Santuario di S. Antonio è coincisa con il 71mo anniversario della sua ordinazione sacerdotale, avvenuta a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 9 maggio 1943. Il loculo che racchiude la salma di P. Marrazzo, infine, è lo stesso che già ospitò Sant'Annibale Maria, prima della sua beatificazione. In questo modo, si dà la possibiltà ad ogni fedele di invocare l'intercessione di P. Giuseppe favorendo così il suo culto, per poter effettuare, se è volontà di Dio, ulteriori passi verso il riconoscimento della sua santità. I festeggiamenti per P. Marrazzo si concluderanno domani, con la celebrazione pomeridiana della Santa Messa, presieduta da S. E. Mons. Calogero La Piana, Arcivescovo di Messina.